I 10 migliori hamburger di Roma

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

BirstròBirretta Wine&FoodBurger Bar GrillFranz BurgerHamburgeseriaHam Holy BurgerL’Hamburgeria di EatalyOpen BaladinTbspThe Perfect Bun

Se fosse una figura retorica, sarebbe una sineddoche, ovvero un particolare per il tutto. L’hamburger è questo: un panino traboccante di ogni ben di Dio, che prende il nome da quella polpetta schiacciata di carne grigliata che ne caratterizza il ripieno (salvo diventare in alcuni casi fishburger o vegburger, ma quella è un’altra storia). Ed è anche un piatto che spesso è sufficiente per giustificare l’ingresso in un ristorante e svoltare un pasto con una spesa contenuta.

Fino a qualche decennio fa considerato cibo da fast food americano, amato soprattutto dai giovani, il burger bar si è evoluto diventando anch’esso gourmet, con carne selezionata, panini firmati, condimenti Slow Food, combinazioni che stimolano la creatività degli chef e spesso in abbinamento a birre artigianali. In ordine rigorosamente alfabetico, una selezione di 10 hamburgerie romane che lasciano il segno (della griglia).

Birretta Wine&Food

Questo locale di Prati, in zona piazza Mazzini, offre un’ampia selezione di burger realizzati con la carne della macelleria Feroci, con un degno accompagnamento di birre artigianali. Oltre 35 tipologie di burger (su richiesta anche con pane per celiaci), che spaziano dall’hamburger di manzo 200 g alle polpette fritte di maiale, passando per il pulled pork e il pollo burger, il tutto con una grande fantasia negli accostamenti.

Eataly Roma (Birreria)

Lo store di via Ostiense ha sempre avuto un focus dedicato agli hamburger, che si possono mangiare sia nella birreria, che nella pizzeria. Per la bella stagione si può mangiare in terrazza, dove sono serviti gli hamburger di Fassona piemontese del consorzio La Granda, presidio Slow Food, in accompagnamento alle birre prodotte in loco dalla birreria di Eataly.

Franz Burger

Un fast food in zona San Giovanni che offre panini gustosi, da mangiare in loco o da asporto. Si parte dalla scelta della carne: black angus, cavallo, pollo o veggie burger e poi si compone il proprio panino scegliendo il bun e gli altri condimenti. Per il resto la scelta è ridotta all’osso, con patate e insalate come accompagnamento e qualche birra in bottiglia. Less is more, visto che la carne è quanto mai succosa, grazie alla buona abitudine di prepararla al momento.

Ham Holy Burger

Il marchio Ham Holy Burger ha compiuto 10 anni quest’anno e li ha festeggiati aprendo una nuova sede a Viterbo. A Roma è presente su due punti vendita, con i suoi “panini sacri” 100% italiani. La carne di manzo è di Fassona piemontese cresciuta negli allevamenti Presidio Slow Food La Granda, dal quale proviene anche la salsiccia di maiale che di recente è stata proposta come alternativa nei panini, ma non manca qualche proposta in versione “zero”, ovvero senza carne (con vegburger). In onore di Roma Ham Holy Burger ha recentemente lanciato il panino Cupolone: Hamburger di Fassona Piemontese, salsa all’amatriciana, guanciale  e chips di melanzane.

Open Baladin

A due passi da Campo dei Fiori, si trova la sede romana del birrificio Baladin di Teo Musso, che ha glorificato l’abbinamento birra artigianale e hamburger, con oltre cento birre in degustazione e, per la sede romana, lo zampino di Gabriele Bonci nell’elaborazione dei panini. In accompagnamento le “fatate”, ovvero le patate fritte aromatizzate e, per condire sia queste che i panini, le salse, rigorosamente artigianali e di produzione quotidiana.

Pork ’n Roll

Come il nome lascia già intendere, qui la carne è rigorosamente di maiale. Dagli allevamenti in Puglia della famiglia Roccia, ai due locali in zona Tiburtina, il Pub e la Bottega di Pork ’n Roll. Attenzione, perché i menù sono differenti, ma in entrambi i casi non manca il gusto, i prezzi sono più che corretti e il servizio è alla mano e cordiale. Nel caso del pub, si aggiunge l’ampia selezione brassicola e il focus sui whisky, passioni del fratello publican Valentino. Nel caso della bottega, si può far la spesa di carne e salumi al banco, consigliati dal fratello macellaio Gerardo.

Queen Makeda

Questo bel locale del quartiere Aventino basa il menù su una cucina internazionale, ma non manca un grande focus sugli hamburger. Non è un caso che abbia voluto celebrare il National Hamburger day con un menù special, anche se già normalmente le proposte sono variegate e comprendono anche la versione veggie con il Beyond Burger all’interno del panino. E per ogni hamburger, in menù, anche un suggerimento di abbinamento birra di sicuro effetto.

Tbsp

È l’acronimo di The Bbq & Smoke Project ed è diretta emanazione del gruppo Galli, leader nella distribuzione di carni nel centro Italia. Qui si lavora la carne da bestie intere, selezionando i tagli più adatti per ciascuna preparazione, e con un occhio alle carni grigliate e affumicate all’americana, che vengono proposte anche nei panini. Due le sedi, una a Ponte Milvio e l’altra a un passo dalla macelleria di famiglia, in via Gallia, zona San Giovanni.

The Meat Market

Due punti vendita, uno a Testaccio e uno nel quartiere Nomentano, per questa steakhouse all’americana con forti radici pugliesi (di Taranto). Per il reparto burger, i bun sono forniti dall’Antico Forno Roscioli, e si può scegliere tra il classico, quello ai cinque cereali o il senza glutine. La quantità di carne varia dai 150 g ai 500 g, e si spazia dalla versione classica con hamburger di manzo a quella “de nonna”, con le polpette al sugo. Per chi preferisce l’opzione più fresca c’è la versione Tartare burger, con battuto di manzo al coltello.

Tyler

Questo pub di Ponte Milvio è perfetto per sentirsi in viaggio senza spostarsi da Roma. Qui tutto parla americano, visto che l’aspetto del locale è da classico diner statunitense, come quelli che si vedono nei film. La proposta di menù non è da meno, con accortezze all’italiana, come quella di fare il bun e le salse rigorosamente in casa. Menzione speciale per il delivery, home made anche questo, con le borse brandizzate.

Che ne pensi?

More To Explore

Anime

Daitan 3 stagione 1 presente su Netflix

Per tutti gli amanti dell’anime e dei cartoni degli anni 80, è un vero piacere segnalare che su Netflix abbiamo tutta la prima stagione di