Lombardia: le specialità gastronomiche più buone

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

La Lombardia è una regione ricca di specialità gastronomiche ricche di tradizione e bontà. Salumi e formaggi amati in tutto il Paese, ma non solo. Scopriamo insieme tutti i prodotti tipici della regione!

Bresaola

È il salume Igp simbolo della Valtellina e si produce con carne di manzo (di solito la punta d’anca), salata e stagionata per uno, due mesi. Magra e delicata, si abbina bene con frutta e verdure, fresche e sott’olio.

Grana Padano

Oggi è prodotto anche in altre regioni d’Italia, ma sembra che la sua nascita sia da ricondurre ai monaci cistercensi dell’abbazia di Chiaravalle, che cominciarono a fare un cacio a pasta dura, per sfruttare al meglio l’enorme quantità di latte a disposizione. Stagionato fino a 16 mesi ha un sapore che ricorda il latte; dai 17 ai 20 mesi si fa più saporito, con aromi di frutta secca e fieno; oltre i 20 mesi diventa una Riserva con un gusto elegante e complesso.

Salame d’oca di Mortara

I salumi d’oca nascono per le comunità ebraiche, come alternativa a quelli di maiale. In quelli prodotti oggi, la carne magra dell’oca è mescolata con parti magre e grasse del suino, insaporita con sale, pepe e aromi e avvolta nella pelle d’oca (di solito quella del collo). Dopo qualche giorno di riposo, il salame viene cotto e, una volta raffreddato, è pronto. Ha un sapore delicatamente speziato e una consistenza morbida.

Zucca mantovana

È detta anche cappello del prete per la sua forma; grazie alla polpa dura e asciutta e al sapore dolce è molto amata in cucina. Un classico nell’impasto degli gnocchi e nella farcia dei ravioli mantovani, è ottima anche cotta in forno e servita come contorno per le carni bianche.

Taleggio

Prende nome dalla Val Taleggio dove è nato, questo formaggio Dop, grasso, di breve o media stagionatura, a pasta molle e crosta lavata. Prodotto con latte vaccino, ha un gusto deciso, con una dolcezza bilanciata da note acidule. Ottimo in abbinamento alla frutta o fuso nella polenta e nei risotti.

Bitto

È un formaggio vaccino di alpeggio e di stalla delle Alpi Orobie. Tutelato con la Dop, ha pasta cotta e semidura ed è prodotto in forme cilindriche di 8-12 chili. Ha un sapore delicato, con ricordi di erbe di montagna. Oltre al Bitto Dop, c’è lo Storico ribelle, presidio Slow Food con un disciplinare di produzione ancora più rigido.

Salame di Varzi

Pare che la sua nascita si debba ai monaci benedettini, che già all’inizio del Medioevo trovarono la giusta miscela di carni suine magre e grasse, sale e spezie. Oggi è tutelato con la Dop ed è tra i salami più pregiati d’Italia. Nasce in valle Staffora, nell’Oltrepò Pavese, ed è caratterizzato da una lunga stagionatura e da un sapore dolce e delicato, con un retrogusto leggermente amarognolo.

Olio extravergine di oliva Garda

È tra i più ricercati per il suo sapore elegante e delicato e i suoi leggeri profumi di erba fresca e di carciofo. Tutelato con la Dop, si produce con le cultivar casaliva, frantoio e leccino e può avere le menzioni geografiche aggiuntive Bresciano, Orientale e Trentino: tutte godono del particolare microclima del lago di Garda, che permette anche la coltivazione degli agrumi più a Nord d’Italia.

Che ne pensi?

More To Explore

Anime

Daitan 3 stagione 1 presente su Netflix

Per tutti gli amanti dell’anime e dei cartoni degli anni 80, è un vero piacere segnalare che su Netflix abbiamo tutta la prima stagione di