Una birra davanti al bancone #1 – La newsletter del Baretto

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Buonasera a tutti,
in una serata dove sia Wind che Tim mi negano accesso alla rete e quindi a tutte quelle piccole comunicazioni e letture che ti mandano avanti, quando sei in una situazione come la mia, ma non solo penso anche a tutti quegli attivisti o comunque ribelli del regime centrale del loro paese che devono stare nell’ ombra forzatamente oppure tanti dei nostri studenti che in DAD ( testimone io, in alcune zone che non sarebbero pensabili perché all’interno di metropoli, soffrono del digital divide rimangono tagliati fuori dalle comunicazioni globali. Ecco stavo andando fuori dal seminato o meglio no, ma stavo partendo con altri presupposti quindi bando alle ciance e vediamo il menu di questa newsletter:

  • Ramsonware: di compagnie petrolifere e non solo
  • Ubuntu 21.10: potrebbe essere corretto usarla e se si come?

Ramsonware: di compagnie petrolifere e non solo

Partiamo dal primo argomento anche perché sta diventando anche uno di quelli belli tosti, visto che il governo americano ha deciso di trattarlo come se fosse terrorismo,ne potete leggere qui

Tutto comincia quando un gruppo di hackers che si fanno chiamare Dark Side blocca un pezzo della pipeline di produzione dell’oleodotto che distribuisce il carburante nelle zone verso est degli Stati Uniti della Colonial Pipeline. Nei giorni seguenti esce un comunicato ufficiale dove la stessa azienda dice che sta riprendendo le proprie operazioni. Tutto bello finché esce la notizia che per poterlo fare ha dovuto pagare il riscatto deciso dagli hackers. E qui si apre l’eterno paghi o non devi pagare. Io personalmente penso che non si debba pagare però vi debba essere una previa policy aziendale che assicura che il patching dei sistemi e l’off site dei backup sia qualcosa di vero ed esistente. A queste condizioni perché pagare? Ovvio che se manca la possibilità di avere indietro i propri dati bhè diciamo che pagare per molte aziende diventa l’unica possibilità per tornare ad operare.

Negli stessi giorni anche FujiFilm con un comunicato del ramo francese annunciava che doveva chiudere e spegnere alcuni servizi perché bloccati. Un’altro attacco ramsonware? Da quello che traspare sembra proprio di si.

Per ultimo vi lascio con un link della National Crime Agency britannica che analizza l’ascesa di questo tipo di e l’industria del crimine che si ê creata intorno visto il numero gigante della gente costretta a pagare per riavere i propri dati indietro. Eccolo qui

Ubuntu 21.10 è in daily build, vale la pena provarla e se si come?

Ubuntu 21.10 ovvero la più avanti come features e sviluppo della famiglia Ubuntu, è da qualche giorno disponibile in daily build. Cosa vuol dire? Vuol dire che ogni sera tutti i dev impegnati mandano sui server centrali il proprio lavoro (operazione che si chiama commit and push)
e nella notte attraverso procedure viene creato un file iso che poi sarà replicato su tutti i vari mirrors o repository secondari.

E qui entriamo in gioco noi. Vale la pena provarlo? Io dico sicuramente di si anche perchè vedremo man mano crescere la distro con tutte le varie features fino a diventare matura per essere rilasciata al grande pubblico. Ma può essere usata come unica distro? Assolutamente no anche perché sono da prevedersi aggiornamenti che faranno smettere di funzionare questo o quello, quindi no. Il miglior modo che consiglio sempre è una macchina virtuale sul proprio pc con cui poter fare snapshot ogni volta prima di aggiornare. In questo modo nessun danno viene fatto e si possono comunque testare tutte le features in tranquillità..

Alla prossima birra 🍺 che secondo i piani dovrebbe essere pianificata per la prossima settimana salvo notizie eclatanti che richiedano edizioni speciali 😎 fino ad allora grazie per la lettura e se vi è piaciuta condividetela, a voi costa un click per noi è un grande aiuto ✌️

Che ne pensi?

More To Explore

Anime

Daitan 3 stagione 1 presente su Netflix

Per tutti gli amanti dell’anime e dei cartoni degli anni 80, è un vero piacere segnalare che su Netflix abbiamo tutta la prima stagione di